GIRL’S DAY 2014 – COMUNICATO-STAMPA

21.05.2014

Sono state artigiane per un giorno, recandosi in aziende gestite da donne per conoscere il loro impegno professionale e per affiancarle nei sistemi di lavorazione.

 Un’esperienza sul  campo per alunne del secondo anno di alcune scuole secondarie di 1° grado della provincia di Bari, un’esperienza per acquisire elementi utili ad una scelta di studi che consenta di svolgere, in futuro,  un’attività autonoma in uno dei diversi settori tecnico-scientifici contemplati nell’artigianato.

Girl’s day, l’iniziativa promossa e curata da Donne impresa e dall’Upsa-Confartigianato, con l’apporto della Banca di Credito Cooperativo di Bari, scaturisce da un progetto nato negli Stati Uniti e ora affermatosi in Europa, con una  forte diramazione anche nelle regioni italiane.

In terra di Bari è giunta alla sua seconda edizione, conseguendo consensi e apprezzamenti da parte di aziende, di istituzioni scolastiche, di studenti, di  famiglie.

A Girl’s day 2014  hanno aderito le scuole: “Carlo Levi” di Bari, “Luigi Tinelli” di Alberobello, “Giovanni Modugno” di Bitetto,  “F. Carelli – D. Forlani” di Conversano, “Cotugno-Carducci-Giovanni XXIII” di Ruvo di Puglia.

Le giovanissime alunne, ospitate dalle aziende: Eliotecnica meridionale (stampa digitale), Ivone (strutture metalliche), AMG (diagnostica ferroviaria),  Sibilia (arredamenti con tessuti), Brilla (lavorazione metalli preziosi), hanno prodotto un docu-video mostrato al pubblico nel corso di una grande manifestazione nella sala consiliare del Comune di Bari.

Scopo primario dell’iniziativa è l’orientamento delle generazioni emergenti verso settori tecnico-scientifici non sufficientemente considerati quali sbocchi occupazionali e soprattutto rimasti a lungo campi di azione quasi esclusiva del sesso maschile.

La crescente presenza di imprenditrici in Puglia, attestata  da ben 35 mila imprese nella sola provincia di Bari (un terzo del totale nell’intera regione), 19 mila in Capitanata e una su quattro nel Salento, indica chiaramente la propensione ad abbracciare un’attività autonoma che si registra sul versante rosa.

Insomma, nell’artigianato figurano ambiti anche di alta valenza tecnologica,  in grado di soddisfare le aspirazioni di chiunque, soprattutto delle donne la cui versatilità continua ad occupare ampi spazi del mercato globale  con risultati straordinari.

Intervenuti al Comune, per la cerimonia conclusiva del progetto, il presidente provinciale di Confartigianato Francesco Sgherza, la presidente di Donne impresa Marici Levi, il direttore provinciale di Confartigianato Mario Laforgia, il direttore generale della Banca di Credito Cooperativo di Bari Donato D’Andrea, il presidente del centro comunale di Bari di Confartigianato Michele Facchini, il coordinatore provinciale di Confartigianato Franco Bastiani, la presidente  del Cif Nunzia Bernardini  con la consigliera Tiziana Russo, i dirigenti scolastici Maria Cristina Portulano, Angela Capotorto, Carla Ambrosio,  Rosamaria Quaranta e Michele Bonasia; le insegnanti Miriam Risola, Betty Verdebello, Maddalena Trantadue, Giovanna De Felice, Laura Cozzi , Cristina Galati, Antonella Decataldo, Rosa Salamida, Onofrio Lanzisera, Milena Monopoli, Rosa Bellantuono, Luigi Sparapano, Giuditta Pellicani, Stefania Carbonara.

Presenti, inoltre, le imprenditrici: Marici Levi, Angelica Ivone, Marcella Laneve, le sorelle Angela e Antonella Sibilia, Antonella Brilla

Il saluto dell’amministrazione comunale è stato espresso dal capo di gabinetto del sindaco Antonella Rinella; la manifestazione è stata coordinata e presentata dall’ins. Rosa Grazioso.           

                 

Scegli la scuola

che fa per te!

INFORMATI SUL MESTIERE
CHE TI INTERESSA