ELETTRICISTA

Figura professionale disciplinata dal DM 22 gennaio 2008 n. 37 (GU 61 del 12 marzo 2008)

Attività / Mansioni

è il professionista che progetta, realizza e manutiene:

- impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione e utilizzazione dell’energia elettrica, ad uso civile o industriale

- nonché impianti per l’automazione di porte, cancelli e barriere.

Interviene sia nella fase della costruzione degli edifici – nei cantieri – dove progetta e realizza gli impianti elettrici, sia negli edifici già esistenti, all’interno dei quali effettua riparazioni e operazioni di manutenzione e controllo.

A seconda del tipo di incarico e del livello di competenza posseduto, il lavoro dell’elettricista concerne le seguenti attività:

- sopralluogo e formulazione del preventivo
- redazione del progetto dell’impianto
- interpretazione di schemi e circuiti elettrici ed installazione degli impianti (punti di allacciamento, tubi e cassette di connessione, quadri, ecc.)
- esecuzione di prove e verifiche sull’impianto e successivo collaudo
- redazione della relazione tecnica e, quando richiesta, della dichiarazione di conformità alle norme vigenti.

Nel lavoro quotidiano si serve di strumenti e apparecchiature tecnici, necessari per le lavorazioni sugli impianti e per la sua sicurezza (isolanti, forbici, scala, trapani, tester digitali, guanti, ecc.).

Le leggi prescrivono che l’elettricista svolga il proprio lavoro «a regola d’arte», ovvero in conformità alla vigente normativa di sicurezza (norme giuridiche e regolamenti tecnici emanati dall’UNI, dal CEI e da altri enti di normalizzazione).

figure

Attitudini,
figure affini

Attitudini

Predisposizione al problem solving

- Doti manuali ed estrema precisione nei movimenti
- Conoscenza rigorosa delle norme tecniche e dei protocolli di lavoro
- Conoscenza e rigorosa osservanza delle misure di prevenzione e sicurezza
- Predisposizione ad assumersi importanti responsabilità in materia di sicurezza delle
persone
- Capacità di lavorare in team (con muratori, idraulici, posatori di pavimenti, geometri,
ingegneri, ecc.)
- Resistenza fisica e capacità di mantenere la concentrazione per periodi di tempo
prolungati

Attitudine per la matematica e per gli apparati elettrici ed elettronici, buona vista e capacità di distinguere i colori, affidabilità, precisione e senso di responsabilità, attitudine per le correlazioni tecniche e logiche

Figure professionali affini
Elettromeccanico, elettrauto, elettricista impiantista, elettrotecnico

Percorso formativo

Requisiti tecnico-professionali

Scuola

Corso triennale di qualifica professionale per operatore elettrico/elettronico. Istituti tecnici statali (5 anni) indirizzo elettronica/elettrotecnica.
I requisiti tecnico-professionali necessari allo svolgimento dell’attività in forma autonoma sono, in alternativa, uno dei seguenti:

  1. diploma di laurea in materia tecnica specifica conseguito presso una università statale o legalmente riconosciuta;
  2. diploma o qualifica conseguita al termine di scuola secondaria del secondo ciclo con specializzazione relativa al settore delle attività presso un istituto statale o legalmente riconosciuto, seguiti da un periodo di inserimento, di almeno due anni continuativi, alle dirette dipendenze di una impresa del settore;
  3. titolo o attestato conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale, previo un periodo di inserimento, di almeno quattro anni consecutivi, alle dirette dipendenze di una impresa del settore;
  4. prestazione lavorativa svolta, alle dirette dipendenze di una impresa abilitata nel ramo di attività cui si riferisce la prestazione dell’operaio installatore per un periodo non inferiore a tre anni, escluso quello computato ai fini dell’apprendistato e quello svolto come operaio qualificato, in qualità di operaio installatore con qualifica di specializzato nelle attività di installazione, di trasformazione, di ampliamento e di manutenzione degli impianti

Principali materie di studio:

• Elettrotecnica ed elettronica
• Normative di sicurezza
• Fisica
• Disegno elettrico

Apprendistato professionalizzante
Possono essere assunti con contratto di apprendistato professionalizzante giovani di età compresa tra i 18 ed i 29 anni.
Per i soggetti in possesso di una qualifica professionale conseguita ai sensi del ddl 225/2006 il contratto di apprendistato professionalizzante può essere stipulato a partire dal 17° anno di età.

attivita

Attività
professionale

In proprio:

- attività di lavoro autonomo, come titolare di impresa artigiana, iscritta al Registro delle imprese della locale Camera di Commercio e dotata di un responsabile tecnico (che deve possedere determinati requisiti tecnico-professionali);

Come dipendente:

- attività di lavoro alle dipendenze nel settore privato (responsabile tecnico/tecnico/operaio) all’interno di imprese artigiane dell’impiantistica o presso qualsiasi impresa manifatturiera, edile, ecc.

- attività di lavoro nel pubblico impiego, all’interno degli uffici tecnici o degli staff preposti alla manutenzione degli impianti di competenza degli enti pubblici, enti locali, ecc.


Scegli la scuola

che fa per te!

INFORMATI SUL MESTIERE
CHE TI INTERESSA