MURATORE

Attività / Mansioni

Specializzato/a nella realizzazione di opere in muratura per i vari tipi di costruzioni: edifici residenziali, stabilimenti industriali, strutture pubbliche come scuole, ospedali ecc. Il suo lavoro in cantiere comincia subito dopo gli scavi eseguiti dagli operatori del movimento terra. Basandosi sul progetto dell’architetto, dell’ingegnere o del geometra provvede alla realizzazione delle fondamenta, nonché alla posa della armature e dei ferri (tondini) per le opere in cemento armato. Contestualmente all’esecuzione delle pareti esterne, portanti e divisorie inserisce le aperture per porte e finestre, realizza il rivestimento murario di pilastri e camini, nonché la struttura delle scale in calcestruzzo, pietra naturale o artificiale. Possiede un’approfondita conoscenza delle principali legature di mattoni e laterizi, nonché delle caratteristiche e modalità d’impiego dei vari materiali; sa interpretare i disegni tecnici (generalmente in scala 1:50) e tradurli in pratica. All’occorrenza è in grado di eseguire anche semplici calcoli. Una volta conclusa la struttura grezza provvede ai lavori di intonacatura, che nel caso di grandi costruzioni sono affidati a squadre di operai specializzati. Le imprese edili fanno uso anche di elementi prefabbricati, il cui montaggio va eseguito secondo tecniche specifiche. Nei lavori stradali, costruzione di ponti, canalizzazioni, opere antivalanghe e sistemazione dei corsi d’acqua, il/la muratore/trice si occupa prevalentemente della posa di casseforme e armature per il getto di elementi in calcestruzzo armato. L’ampio ventaglio delle sue attività è integrato da interventi di modifica, rifinitura e trasformazione di manufatti dentro e fuori terra. Diverse macchine edili agevolano le lavorazioni più pesanti in cantiere, tuttavia impongono ritmi di lavoro sostenuti. Questa professione si svolge prevalentemente all’aperto, con periodiche variazioni del luogo di lavoro (cantiere).

figure

Attitudini, conoscenze, figure affini

Attitudini
Attitudine al lavoro fisico e pratico, buona forma fisica, interesse per il lavoro all’aperto e con ubicazione variabile, capacità di collaborazione (squadre di lavoro)

Figure professionali affini
Piastrellista e posatore di pietra

Percorso formativo

Scuole:
Scuole edili

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere:

  • Età compresa tra i 18 e i 29 anni (dal compimento dei 17 anni per i soggetti in possesso di una qualifica professionale conseguita ai sensi del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n.226).
  • Durata del contratto di apprendistato professionalizzante: 48 mesi (III Gruppo)
  • Il Piano formativo individuale (PFI), redatto sulla base dei profili formativi forniti dal FORMEDIL Nazionale, definisce il percorso formativo dell’apprendista coerentemente alla qualifica da raggiungere.
  • 80 ore medie annue di formazione.
  • Corsi formativi presso strutture formative accreditate dalla Regione, o all’interno dell’azienda di 120 ore per la durata del triennio.
  • Apprendisti con età superiore ai 26 anni compiuti ore di formazione ridotte del 50%
  • Al termine del percorso, l’apprendista ottiene la qualifica professionale acquisita ai fini contrattuali e la formazione verrà registrata nel Libretto personale di formazione professionale edile.

attivita

Attività
professionale

Lavoratore dipendente o lavoratore autonomo
Laboratori artigiani, imprese edili, cantieri

Attività in proprio
L’attività può essere esercitata in forma autonoma attraverso l’iscrizione all’Albo delle imprese artigiane.

Scegli la scuola

che fa per te!

INFORMATI SUL MESTIERE
CHE TI INTERESSA