PULITORE TESSILE

Attività / Mansioni

L’attività di lavanderia può essere di tipo tradizionale (quelle che svolgono sevizi per la famiglia) o di tipo industriale.

L’operatore della lavanderia tradizionale è specializzato nella pulitura di capi di vestiario o altri prodotti tessili (ad es. tendaggi, coperte, tappeti) ad acqua o a secco (con l’ausilio di sostanze chimiche).

Ancorché la pulitura sia effettuata automaticamente dai macchinari, il pulitintore ha il compito di esaminare i capi per rilevare eventuali macchie particolari che devono essere trattate in modo diverso secondo la natura stesa della macchia e del tessuto su cui è depositata. Deve altresì valutare il tipo di lavaggio da eseguire sul capo in base al tipo di tessuto, al colore e al grado di sporco, anche tenuto conto delle istruzioni contenute nell’etichetta. In caso che le indicazioni per la manutenzione non siano corrispondenti a quella che è l’esperienza dell’operatore, lo stesso deve eseguire apposite prove su piccoli campioni di tessuto. Per una pulitura efficace è necessario determinare esattamente il tipo e la quantità di agenti chimici da utilizzare.

All’attività di pulitura in senso stretto si aggiungono altri trattamenti eseguiti per restituire ai tessuti caratteristiche quali brillantezza, resistenza, morbidezza ecc. I tessuti, dopo la pulitura, vengono stirati con il ferro da stiro o con la pressa a vapore, anche con l’ausilio di additivi.. Gli operatori delle lavanderie industriali effettuano lavaggi di grandissime quantità, specie di biancheria per alberghi, ospedali e comunità, nonché trattamenti particolari per le industri tessili. Entrambi devono conoscere i tessuti e i prodotti per i lavaggi.

figure

Attitudini, conoscenze, figure affini

Attitudini
Accuratezza, abilità manuale, buona vista resistenza alle alte temperature

Figure professionali affini
Operatori di finissaggio tessile

Percorso formativo

Frequenza di corsi per la qualifica di Responsabile tecnico. La qualifica si ottiene:

  1. frequentando corsi riconosciuti dalla Regione di almeno 450 ore complessive in un periodo di un anno
  2. attestato di qualifica in materia attinente l’attività conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale, integrato da un periodo di inserimento della durata di almeno un anno presso imprese del settore, da effettuare nell’arco di tre anni dal conseguimento dell’attestato;
  3. diploma di maturità tecnica o professionale o di livello post-secondario superiore o universitario, in materie inerenti l’attività;
  4. periodo di inserimento presso imprese del settore non inferiore a:
  1. un anno, se preceduto dallo svolgimento di un rapporto di apprendistato della durata prevista dalla contrattazione collettiva;
  2. due anni in qualità di titolare, di socio partecipante al lavoro o di collaboratore familiare degli stessi;
  3. tre anni, anche non consecutivi ma comunque nell’arco di cinque anni, nei casi di attività lavorativa subordinata.

Tra le materie fondamentali di insegnamento sono comunque previste le seguenti: fondamenti di chimica organica e inorganica; chimica dei detersivi; princìpi di scioglimento chimico, fisico e biologico; elementi di meccanica, elettricità e termodinamica; tecniche di lavorazione delle fibre; legislazione di settore, con specifico riguardo alle norme in materia di etichettatura dei prodotti tessili; elementi di diritto commerciale; nozioni di gestione aziendale; legislazione in materia di tutela dell’ambiente e di sicurezza del lavoro; informatica; lingua straniera.

Le Regioni devono istituire appositi corsi di formazione.

Apprendistato/apprendistato di I livello.
Apprendistato per la qualifica o il diploma

età compresa tra i quindici e i venticinque anni
Le ore di formazione sono stabilite da ciascuna Regione

apprendistato professionalizzante o di mestiere
Il contratto di apprendistato professionalizzante può essere stipulato con soggetti di età compresa tra i diciotto anni ed i ventinove anni.
La durata massima di contratto professionalizzante è fissata sulla base delle seguenti misure in relazione alla qualifica da raggiungere:

  • 1º gruppo (livelli 4º, 5º , 6º e 6º super): durata: 5 anni
  • 2º gruppo (livello 3º): durata: 4 anni e 6 mesi;
  • 3º gruppo (livello 2º): durata: 3 anni

attivita

Attività
professionale

Settore privato
Tintorie e puliture

Attività in proprio
Per aprire un’attività è necessario essere in possesso della qualifica di Responsabile tecnico o della nomina di un Responsabile tecnico.
Per mettersi in proprio è necessaria l’iscrizione al relativo registro presso la Camera di Commercio.

Scegli la scuola

che fa per te!

INFORMATI SUL MESTIERE
CHE TI INTERESSA